La sanità e il TTIP (trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti)

Federico Vola e Sara Barsanti La possibilità di includere nel TTIP i servizi sanitari europei è diventata un problema politico soprattutto nel Regno Unito, dove l'opposizione del partito laburista ha minacciato di ritirare il suo sostegno all'accordo a meno che il Sistema Sanitario Nazionale (NHS) sia escluso. Questa preoccupazione è totalmente condivisa anche nel mondo accademico e medico.

Obamacare. Salute, lavoro, bugie

Sara Barsanti e Gavino Maciocco “La riforma Obama costa 2,5 milioni di posti di lavoro”. Molti giornali hanno diffuso questa nuova cattiva notizia sulla riforma sanitaria. I Repubblicani prendono la palla al balzo e parlano di “effetti devastanti”. Ma era una bufala e Paul Krugman spiega perché.

Obamacare. Tra Via crucis e Manna dal cielo

Sara Barsanti e Gavino Maciocco Se non è una Via crucis è una specie di Vietnam, quello in cui si trova impantanata la riforma sanitaria di Obama. Tra il fallimento del sito web che doveva consentire agli Americani di assicurarsi in modo economico e trasparente e la discrezionalità degli Stati di applicare l’espansione di Medicaid. Ma per Michael Moore la riforma è comunque “manna dal cielo”.

Salute e sanità a Cuba (parte II)

Sara Barsanti e gli Studenti della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa Questo è il secondo di due post dedicati al sistema sanitario cubano, frutto del viaggio di studio di un gruppo di studenti di medicina della Scuola Superiore S. Anna di Pisa. La formazione dei medici cubani. L’Equipe Basica de Salud e il Gruppo Basico de Trabajo. La parola magica: dispensarizacion.

Salute e sanità a Cuba (I parte)

Sara Barsanti e gli Studenti della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa Questo è il primo di due post dedicati al sistema sanitario cubano, frutto del viaggio di studio di un gruppo di studenti di medicina della Scuola Superiore S. Anna di Pisa. Lo stato di salute della popolazione e l’organizzazione del sistema sanitario.

Gambero Italia

Gavino Maciocco I sistemi sanitari single-payer, come quello italiano, sono più economici e sostenibili di quelli basati sul mercato assicurativo, e anche con migliori risultati di salute. Per questo andavano affossati. Il fronte anti single-payer sembra averla vinta. Del resto bisognava preparare il campo – cioè svuotarlo da una forte presenza del settore sanitario pubblico - in vista della prossima approvazione del TTIP, il partenariato transatlantico sul commercio e gli investimenti che consentirà lo sbarco in Europa dell’industria sanitaria e assicurativa americana.

TTIP e dintorni. Il liberismo in sanità: per chi suona la campana

Gavino Maciocco La crisi economica che dal 2008 sta martellando l’Europa rende sempre più difficile la resistenza nei confronti delle spinte liberiste in sanità perché, come Naomi Klein ha descritto in molte differenti situazioni, quelli che si oppongono al welfare state non sprecano mai una buona crisi. Come si è visto in Spagna, dove nel 2012 è stato abolito il sistema universalistico. Come sta succedendo in Italia, dove il servizio sanitario nazionale viene fatto dissanguare, nell’indifferenza generale.

OMS: le disuguaglianze uccidono su larga scala

di Sara Barsanti Il report finale della Commissione sui determinanti sociali di salute: “I nostri bambini hanno differenti possibilità di vivere a secondo del luogo in cui sono nati. In Giappone o ...