Se non visualizzi correttamente questa email, leggi la versione online

logo saluteinternazionale

Newsletter 10, giugno 2012

Il focus di Saluteinternazionale

di Gavino Maciocco

focus di Saluteinternazionale

In Cina le riforme attuate negli ultimi anni non hanno di fatto protetto le famiglie dalle spese catastrofiche subite a causa del pagamento delle prestazioni sanitarie. Anzi la spesa sanitaria out-of-pocket sta crescendo rapidamente, perché il sistema (comprese le remunerazioni dei medici) è interamente basato sul profitto. Così l’esasperazione dei cittadini si scarica sugli ospedali, con diffusi episodi di vandalismo, ma soprattutto sui medici sempre più frequentemente oggetto di episodi di violenza. “Al tempo dei miei genitori – scrive uno studente di medicina – la professione medica era una carriera ammirata e rispettata. Oggi non più”.

Leggi articolo completo »

Riforma sanitaria in Cina. Too little, too late?

di Giorgio Mario Cortassa e Daniele Brombal

Nonostante l’estensione della copertura assicurativa, giunta al 95,7%, questa non risolve il problema di coprire le spese catastrofiche: oltre 170 milioni di cinesi sono a rischio di impoverimento per causa di malattia. Secondo la dottrina taoista nel misterioso sciogliersi del tempo presente si nascondono i germi degli eventi futuri: essere capaci di individuare tali germi quando ancora sono tali porta il saggio ad una azione minima, apparentemente insignificante ma intelligente e “giusta al momento giusto”, in grado di evitare future sciagure.

Leggi l'articolo completo »

Il sistema sanitario cinese. La storia

di Miriam Levi e Gavino Maciocco

Coesione sociale

Un articolo che pone le fondamenta per una serie di contributi sul sistema sanitario cinese. La sua evoluzione, le riforme annunciate, la transizione epidemiologica, le sfide ambientali. Sarà davvero Healthy China entro il 2020?

Leggi l'articolo completo »

 

Produzione e realizzazione: Il Pensiero Scientifico Editore & Think2it

Ricevi questa email perchè sei iscritto alla mailing list sul sito saluteinternazionale.info. Per non ricevere più questa newsletter è sufficiente mandare una e-mail.