Se non visualizzi correttamente questa email, leggi la versione online

logo saluteinternazionale

Newsletter 11, lugio 2012

Il focus di Saluteinternazionale

di Gavino Maciocco

focus di Saluteinternazionale

La sopravvivenza del nostro servizio sanitario nazionale è messa a rischio da chi, puntando sullo sfascio, ha pronte soluzioni assicurative (com’è avvenuto in questi giorni in Spagna) e dai sostenitori dello status quo, dai difensori di interessi consolidati che quasi mai coincidono con gli interessi dei cittadini e dei pazienti. È necessario contrastare il metodo dei tagli lineari della spending review. Ma ciò non basta: è necessario riformare in profondità il nostro sistema sanitario. È possibile spendere meno e meglio, migliorando la salute della popolazione e la qualità dei servizi.

Leggi articolo completo »

Spending review in sanità

di Nerina Dirindin

In Italia la spesa sanitaria pubblica è sotto controllo. Secondo la Corte dei Conti “il settore sanitario è l’esperienza più avanzata e completa di spending review”. il Governo sta ora lavorando a una ulteriore revisione della spesa sanitaria. Una revisione che rischia di interferire brutalmente con i processi già in atto (difficili e incompleti, ma certamente in buona parte efficaci) e di imporre restrizioni anche là dove non è più possibile contenere la spesa.

Leggi l'articolo completo »

W la spending review! W il Servizio Sanitario Nazionale!

di Marco Geddes

Coesione sociale

Si esce dalla crisi con la consapevolezza che l’universalismo si basa sul rigore; che lo si mantiene se vi è la capacità di combattere diritti acquisiti e privilegi consolidati; che è necessario intraprendere un'operazione di revisione della spesa che richiede il bisturi e non l’accetta e che necessita di un'idea del Paese e non di un'ideologia di cassa.

Leggi l'articolo completo »

 

Produzione e realizzazione: Il Pensiero Scientifico Editore & Think2it

Ricevi questa email perchè sei iscritto alla mailing list sul sito saluteinternazionale.info. Per non ricevere più questa newsletter è sufficiente mandare una e-mail.